Pubblicato in: Evergreen

Cosa fare nelle Marche quando piove?

Cosa fare nelle Marche quando piove
Foto: Pixabay

Le Marche, terra di buona cucina e ottimi vini, terra ricca di storia e bellezze artistiche, terra di mare e di montagna. Solo che ogni tanto può capitare che piova. E se abbiamo deciso di visitare le Marche proprio nell’unico weekend di pioggia del mese? E se siamo vittime della maledizione del clima che comporta bel tempo durante la settimana lavorativa e maltempo durante il weekend, momento in cui potremmo dedicarci a un po’ di sano turismo?

Cosa fare nelle Marche quando piove? Niente paura: la regione offre sempre qualcosa di divertente e interessante da fare, anche quando piove.

gradara

Cosa fare nelle Marche quando piove: visita ai castelli

Se proprio siete incappati in un weekend piovoso e di passare la giornata al mare sotto l’acqua non ne avete voglia, se la pioggia scoraggia le vostre escursioni naturalistiche nel Parco della Riviera del Conero, non temete! Le Marche sono piene zeppe di castelli, tutti da visitare e che ci offrono l’innegabile privilegio di ripararci dalla pioggia:

  • Castello di Gradara: sotto il suo tetto si svolse la tragica storia d’amore fra Paolo e Francesca narrata nell’Inferno della Divina Commedia di Dante Alighieri. È un castello molto bello e complesso, dove spesso si svolgono anche eventi e manifestazioni
  • Rocca di Sassocorvaro: nota anche come Rocca Ubaldinesca, si tratta di una fortificazione rinascimentale,sita nel comune di Sassocorvaro in Provincia di Pesaro- Urbino nel Montefeltro. Sorge su un colle che domina la valle del fiume Foglia
  • Castello di Frontone: questo imponente castello difensivo in provincia di Pesaro-Urbino, non solo vi protegge dalla pioggia, ma in esso spesso sono organizzati eventi e mostre
  • Rocca di Mondavio: particolarmente interessante anche la Rocca di Mondavio, visitabile sia il torrione col museo che l’interno della Rocca, dove è stata ricostruita la vita dell’epoca

Loreto

Cosa fare nelle Marche quando piove: eremi e monasteri

Se siete stanchi dei castelli, ci sono anche tantissimi eremi e monasteri che forniscono un’oasi di pace e serenità, oltre alla protezione dalla pioggia, ma anche diverse gallerie sotterranee dove rimanere senza parole!

  • Eremo di Monte Giove: a poca distanza da Fano, questo eremo a pianta ottagonale è particolarmente interessante in quanto, oltre alla chiesa, vi propone diverse opere d’arte di alto livello
  • Loreto: da visitare assolutamente la Basilica di Loreto, la sua imponenza e magnificenza vi lasceranno senza fiato. Ricordatevi solamente di rispettare il silenzio, spesso parti della Basilica sono riservate temporaneamente alle Messe. Sempre visitabile la casetta di Nazaret al centro della BasilicaMonastero di Fonte Avellana: in provincia di Pesaro-Urbino, se avete bisogno di ricaricare le pile, c’è il Monastero di Fonte Avellana. Si trova nel comune di Serra Sant’Abbondio, alle pendici del Monte Catria
  • Osimo: questo splendido borgo è noto perché al di sotto di esso si cela una rete di gallerie e grotte usate come nascondigli o vie di fuga
  • Fermo: da visitare assolutamente la cattedrale di Santa Maria Assunta in stile romanico-gotico
  • Ascoli – Piceno: anche qui tantissime le chiese da visitare, fra cui la Cattedrale di Sant’Emidio che affaccia su Piazza Arringo. Nella cripta potrete ammirare le spoglie del santo patrono

Se piove dobbiamo rinunciare alla natura?

Assolutamente no, anche se piove le Grotte di Frasassi presso Genga sono sempre visitabili (a meno di condizioni meteo particolarmente avverse). La temperatura interna delle Grotte è sempre fissa intorno ai 14 gradi, non cambia mai, per cui anche se fuori piove, l’interno non crea particolari problemi durante le visite.

Idem dicasi per le Grotte di Camerano, site in provincia di Ancona: la pioggia non turba minimamente il complesso di camere sotterranee.

Cosa fare nelle Marche quando piove: musei

Tantissimi i musei fra cui scegliere, c’è solo l’imbarazzo della scelta:

Museo Tattile Omero ad Ancona

  • Museo Archeologico Nazionale delle Marche ad Ancona: una ricca passeggiata lungo 300.000 di storia delle Marche, con tantissimi reperti in esposizione. Si parte dalla preistoria per arrivare alla storia della civiltà Picena, fino ad approdare all’arte Romana
  • Palazzo Ducale di Urbino e Galleria Nazionale delle Marche: qui visiterete in un solo colpo sia il Palazzo Ducale di Urbino che la Galleria Nazionale delle Marche, localizzata nei due piani aperti ai visitatori del Palazzo Ducale
  • Museo del Balì: si tratta di un museo assai particolare. Sito in una antica villa nel comune di Colli al Metauro, a poca distanza da Fano, le sue sale ospitano un’esperienza museale dedicata alla scienza dove toccare con mano esperimenti scientifici e attrezzature. Particolarmente adatto anche ai bambini che si divertiranno un sacco a praticare i vari esperimenti scientifici proposti
  • Museo Tattile Omero ad Ancona: il museo tattile più bello d’Italia, con tante attività pensate anche per i bambini. Si trova all’interno della Mole Vanvitelliana!
Marche Weekend