Pubblicato in: Evergreen

Cosa vedere a Ripatransone, il Belvedere del Piceno

Manuela ChimeraManuela Chimera 2 settimane fa
Panorama di Ripatransone
Foto: By pizzodisevo (Flickr) [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons

Skyscanner, come ogni anno, ha stilato un elenco dei 20 paesi più belli d’Italia, uno per ogni regione, quelli da visitare assolutamente. Nelle Marche è stato selezionato il borgo medievale di Ripatransone, in provincia di Ascoli Piceno. Immerso nel paesaggio marchigiano, Ripatransone è un borgo famoso non solo per il suo impianto medievale, ma anche per due fattori importantissimi. Il primo è che è noto come il Belvedere del Piceno: la sua posizione in cima al colle che divide i fiumi Menocchia e Tesino offre un panorama eccezionale. Il secondo, invece, è che a Ripatransone trovate il vicolo più stretto d’Italia: pensate che è largo solamente 43 centimetri. Ma andiamo a scoprire cosa vedere a Ripatransone.

Inoltre il borgo è anche come la città del miele e dell’olio. E’ anche Bandiera Arancione.

Ripatransone, la Cattedrale e le chiese

Se vi siete concessi qualche giorno per visitare Ascoli Piceno e dintorni, non tralasciate una visita anche a Ripatransone. Dopo Ascoli Piceno, infatti, è il centro storico più grande della provincia. Numerose le chiese che potrete ammirare a Ripatransone, a partire dalla Cattedrale di San Gregorio Magno e Santa Margherita, in piazza Condivi, nel quartiere di Capodimonte.

Ma ci sono tantissime altre chiese da ammirare, fra cui la Chiesa di Sant’Antonio (Auditorium di Santa Caterina), la Chiesa di Santa Chiara (barocca, con annesso l’ex seminario vescovile), dell’Immacolata (nota come Chiesa di San Filippo), la Chiesa di Santa Maria Magna (di essa residua un campanile perché i resti della chiesa in rovina vennero trasformati in un orfanotrofio), la Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria (nota anche come Chiesa di Sant’Agostino, sconsacrata, prima cinema e ora museo d’arte sacra) e la romanica Chiesa di San Michele Arcangelo (qui troverete il più antico fonte battesimale di Ripatransone).

A Ripatransone il vicolo più stretto d’Italia

Ripatransone, il vicolo più stretto d'Italia
Foto: By pizzodisevo (Flickr) [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons

Ripatransone è famosa perché qui si trova il vicolo più stretto d’Italia. Lo spazio fra i palazzi che stringono questo vicolo è di soli 43 centimetri: se soffrite di claustrofobia, non provateci neanche a percorrerlo. Il vicolo è chiaramente segnalato da una targa.

Il vicolo si trova nel quartiere di Roflano. Ad altezza spalle d’uomo è 43 centimetri, ma poco più in alto arriva anche a 38 centimetri. Se vi cimenterete nell’attraversamento, ricordatevi di farvi rilasciare dall’ufficio turistico l’“attestato” che certifica ufficialmente l’attraversamento del vicolo.

Architetture civili, Teatri e Palazzi Signorili di Ripatransone

A Ripatransone troverete anche il Palazzo Comunale, anzi: in Piazza XX Settembre sorgono il vecchio e il nuovo palazzo comunale. Da ammirare il Palazzo del Podestà con il suo porticato a sette archi e l’annessa torre civica. Il Palazzo Municipale, invece, è stato rimaneggiato più volte. Si nota, però, la sua scalinata a tenaglia.

Numerosi anche i palazzi signorili. Da segnalare Casa Bruni, la dimora di Ascanio Condivi, artista e letterato, con tanto di loggetta a due archi. Molto particolare anche il Loggiato di piazza Matteotti con la sua abitazione con portico. Da vedere anche Palazzo Massi-Mauri perché ha un grazioso balcone con un’artistica ringhiera in ferro battuto.

A Ripatransone, poi, troverete due teatri. Il Teatro Corte delle Fonti è sorto negli anni Novanta ed è un teatro all’aperto che domina un antico lavatoio pubblico che si trova nel Complesso delle Fonti, di stampo medievale. Risale, invece, all’Ottocento, il Teatro Luigi Mercantini: lo troverete al primo piano dell’ala destra del Palazzo del Podestà.

Da segnalare, poi, le mura di Ripatransone, fra le più ricche e lunghe delle Marche. Qui troverete il Complesso delle Fonti, Porta Cuprense, Porta San Domenico, Porto d’Agello, Porta di Monte Antico e i torrioni merlati.

I Musei di Ripatransone

Se preferite i musei, a Ripatransone ne troverete diversi. Il Palazzo Bonomi-Gera ospita il Museo Civico con ben cinque raccolte, fra cui la pinacoteca. Da visitare anche il Museo Archeologico, il Museo della Civiltà Contadina e Artigiana e il particolare Museo del Vasaio, con annesso laboratorio.

Da segnalare anche il Museo Vescovile e il Museo Storico Etnografico.

Le aree verdi di Ripatransone

Se preferite fare qualche passeggiata a Ripatransone, immersi nel verde, ricordatevi della Circonvallazione panoramica, con i suoi viali di querce, tigli e acacie. Sopra il quartiere del Monte Antico si trova la pineta del Colle San Nicolò, mentre l’ex Giardino del Vescovo presenta pini, abeti e cipressi. Da segnalare anche la Pineta della Croce, l’area di Monterone con tigli e due pinete e l’area boschiva sul Monte Attone, appena fuori città, nota anche come Selva dei Frati Cappuccini. Qui troverete anche il Quercus Park, parco acrobatico-avventura con percorsi per grandi e piccini, fra i parchi avventura più noti delle Marche. Per informazioni su orari di apertura del Quercus Park, ricordatevi di contattare la pagina Facebook.

I principali eventi di Ripatransone

Fra i principali eventi per cui Ripatransone è famosa, ricordiamo la festa del Cavallo di Fuoco. E’ una rievocazione storica che si tiene la domenica successiva alla Pasqua. Durante la festa viene servito il “ciavarro”, un piatto tradizionale che è anche una zuppa a dir poco scoppiettante, proprio come la festa pirotecnica durante la quale potrete assaggiarlo.

A luglio, invece, si tiene la Festa della Maddalena, con funzioni religiose e iniziative civili per celebrare la patrona della città.

Come arrivare a Ripatransone?

Potete arrivare a Ripatransone in:

  • auto: autostrada A14. Da nord direzione Ancona, uscita a Pedaso, seguire per Pescara, prendere a Pedaso la SS16 e continuare per Ripatransone. Se arrivate da sud, seguite in direzione Napoli, uscita a Grottammare, attraversare Grottammare sulla SS16, prendere la SP 23 e poi per Ripatransone. Da Ascoli Piceno prendere la SP 235, continuare verso la superstrada Ascoli-Mare RA11, seguire in direzione San Benedetto del Tronto – Ancona, continuare sulla A14 fino a Grottammare e poi come sopra
  • treno: Ripatransone non ha una stazione ferroviaria. Quella più vicina è quella di San Benedetto del Tronto, da qui si prosegue poi tramite le autolinee Start
  • autobus: controllare percorsi e orari sul sito delle Autolinee Start
  • aereo: gli aeroporti più vicini sono quelli di Falconara-Ancona e di Pescara
  • nave: il porto più vicino è quello di Ancona