Pubblicato in: News

Recanati celebra il bicentenario de L’Infinito di Giacomo Leopardi

Manuela ChimeraManuela Chimera 1 settimana fa
Recanati, città di Giacomo Leopardi
Foto: @Xavier121 [Public domain], from Wikimedia Commons

Il 2019 sarà un anno speciale per la città di Recanati, in provincia di Macerata. Si celebrerà, infatti, il bicentenario della scrittura de L’Infinito di Giacomo Leopardi. Per un anno, grazie al progetto Infinito Leopardi, saranno tantissimi gli spettacoli, mostre, conferenze e pubblicazioni incentrate sul “pensiero leopardiano”. Il punto focale dell’evento sarà la mostra presso Villa Colloredo Mels del manoscritto vissano de L’Infinito. Tuttavia questa sarà solo la punta dell’iceberg.

Mi raccomando: tenete sempre sotto controllo il sito ufficiale dell’evento, Infinito Recanati, per essere tempestivamente avvisati di eventuali variazioni dell’ultimo minuto di date e orari degli eventi. Stessa cosa potete fare sulla relativa pagina Facebook.

Giacomo Leopardi
Foto: @UnknownUnknown source [Public domain], via Wikimedia Commons

Recanati: da dove nasce il progetto Infinito Leopardi?

Il progetto Infinito Leopardi è stato voluto dal Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario de L’Infinito di Giacomo Leopardi. A sua volta tale Comitato è stato creato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MIBAC), insieme anche alla Regione Marche, Comune di Recanati, Casa Leopardi, Centro Nazionale Studi Leopardiani, Centro Mondiale della Poesia e della Cultura e Università degli Studi di Macerata.

Il progetto è molto complesso: tratta tematiche assai diverse fra di loro in un lungo lasso di tempo. Il progetto, infatti, è stato inaugurato il 21 dicembre 2018 e andrà avanti per tutto il 2019, suddiviso in due momenti.

Recanati, Infinito Leopardi: la mostra del manoscritto vissano

Come anticipavamo, il punto focale del progetto Infinito Leopardi sarà la mostra straordinaria dedicata al manoscritto vissano dell’Infinito. L’esposizione si terrà a Villa Colloredo Mels. Dopo ben 120 anni, L’Infinito di Leopardi torna a casa. Si tratta di un’occasione unica e imperdibile per ammirare il manoscritto originario dal vivo. Pare che sia dal 1898 che il manoscritto non mette piede a Recanati, proprio in occasione del primo centenario della nascita di Leopardi.

Recanati, Infinito Leopardi: la prima parte delle celebrazioni

La prima parte delle celebrazioni per il bicentenario de L’Infinito di Giacomo Leopardi, si terrà dal 21 dicembre 2018 fino al 19 maggio 2019. Due le sezioni espositive previste:

  1. “Infinità / Immensità. Il manoscritto”: curata da Laura Melosi, direttrice della Cattedra Leopardiana presso l’Università degli Studi di Macerata, questa mostra prevede l’esposizione dei manoscritto leopardiani di proprietà del comune di Visso. La mostra di terrà per l’appunto a Villa Colloredo Mels. L’esposizione comprende anche strumenti multimediali che permetteranno ai visitatori di approfondire la conoscenza con il poeta e le sue opere
  2. “Mario Giacomelli. Giacomo Leopardi, L’Infinito, A Silvia”: curata da Alessandro Giampaoli e Marco Andreani, qui troverete una mostra fotografica che metterà in relazione letteratura e fotografia. In esposizione troverete il foto-racconto “A Silvia”, ispirato proprio alla medesima lirica di Leopardi, edizione originale del ’64 e edizione del 1988. In mostra anche la serie de L’Infinito, per meglio mettere a confronto l’evoluzione di Giacomelli negli anni

Recanati, Infinito Leopardi: la seconda parte delle celebrazioni

Dal 30 giugno al 3 novembre 2019 (l’inaugurazione, in teoria, sarebbe prevista per il 29 giugno, giorno di nascita del poeta), ci sarà la seconda parte delle celebrazioni di Infinito Leopardi. Anche qui due le mostre che potremo ammirare:

  1. “Infiniti”: a cura di Emanuela Angiuli
  2. “Finito, Non Finito, Infinito”: a cura di Marcello Smarrelli

I musei di Recanati

Già che siete a Recanati, conviene visitare anche i musei della città. Con un biglietto unico, potrete visitare diversi musei:

  • Museo Civico di Villa Colloredo Mels e MEMA (Museo dell’Emigrazione Marchigiana)
  • Torre del Borgo e MUREC (Museo di Recanati)
  • Museo “Beniamino Gigli”